Vigna Mario

Avvocato, associato dello Studio Coccia – De Angelis & Associati.
Dal 2009 ri veste il ruolo di Procuratore Antidoping del CONI

  • La buona fede e l’ignoranza scusabile dell’atleta escludono la violazione dell’art. 2.3 del Codice WADA per mancanza dell’elemento soggettivo – Nota a lodo arbitrale CAS 2008/A/1557 WADA v/ CONI, FIGC, Daniele Mannini & Davide Possanzini, 27 luglio 2009
  •  Il potere/dovere del CONI di tutelare l’ordinamento sportivo italiano e l’ammissibilità della prova nella procedura arbitrale TAS – NOTA a Lodo TAS 2009/A/1879 Valverde/CONI
  •  L’art. R 57 del Codice TAS e le controverse sorti del giudizio de novo nella procedura d’appello – nota a Lodo TAS, Goitre & Stefanini / CONI del 3 settembre 2010
  • Nuova linfa per l’ individual case management in ambito antidoping – la “Kissing Theory” non ha colpe – nota al Lodo TAS ITF – WADA/Gasquet del 17.12.2009
  • Il passaporto biologico supera l’esame del TAS – nota a Lodo TAS 2178/A/2010 Caucchioli/ CONI e UCI
  • Le condotte dell’articolo 2,8 del codice WADA e la valutazione dell’elemento soggettivo: ignorantia legis excusat? – nota a Lodo Tas 2010/A/2184 Lazzaro e lodo TAS 2010/A/ 2194 L.G.
  •  La caduta dell’ Osaka Rule: il fine non giustifica i mezzi o “Summum ius, summa iniuria”?  Nota al Lodo TAS CAS 2011/O/2422 USOC v IOC
  • La prova sulla route of ingestion e lo scontro di scenari nell’ambito del balance of probability standard (nota a Lodo CAS 2011/A/2384 UCI v. Alberto Contador Velasco & RFEC CAS 2011/A/2386 WADA v. Alberto Contador Velasco & RFEC)
  • “Confortable satisfaction” ed elemento teologico-soggettivo della condotta illecita: ragionamento per esclusione o logico-deduttivo? ( nota a lodo CAS 2011/A/2625 Mohamed Bin Hammam v. FIFA )
  • Parallellismi fra antidoping e match-fixing: la “giusta durata” della sanzione non necessita la sanzione economica accessoria. (nota a lodo CAS 2011/A/2621 David Savic v. Professional Tennis Integrity Officers)
  • Il caso Veerpalu: quando non basta la positività per provare la violazione antidoping (nota a lodo TAS 2011/A/2566 Andrus Veerpalu v. International Sky Federation del 25/05/2013)
  • Arbitrato irrituale in materia di lavoro sportivo ed aspetti procedurali: il caso Pandev.
  • Mancato controllo antidoping: il ruolo di atleti, DCO, organizzazioni antidoping (Nota al lodo Tas 2013/A/3279 Victor Troicki vs International Tennis Federation del 5 novembre 2013)
  • Il nuovo codice di giustizia sportiva: una vera rivoluzione per lo sport italiano.
  • IL CASO PECHSTEIN: ANTITRUST E TEMPO DI RIFORME NELL’ARBITRATO SPORTIVO ( COMMENTO ALLA DECISIONE DELLA CORTE D’APPELLO DI MONACO DI BAVIERA, 15 GENNAIO 2015)
  • POSITIVITA PER INTEGRATORI CONTAMINATI: INCONSAPEVOLE NON FA RIMA CON INCOLPEVOLE.
  • IL VENTO ANTITRUST SOFFIA DALLA GERMANIA: NUBI PER IL REGOLAMENTO PROCURATORI FIGC?
  • IL CASO ESSENDON: LE PROVE CIRCOSTANZIALI TRA LINKS IN A CHAIN E STRANDS IN A CABLE (NOTA A LODO CAS 2015/A/4059 IN WWW.TAS-CAS.ORG).
  • IL CASO PECHSTEIN: ATTO TERZO LUNGA VITA ALL’ARBITRATO SPORTIVO IN MATERIA DI DOPING (COMMENTO A BGH 7 GIUGNO 2016)
  • BREVI NOTE SUL COMMERCIO E LA RICETTAZIONE DI SOSTANZE DOPANTI